Un atto di resistenza civile: Leggere Lolita a Teheran

Azar Nafisi nasce a Teheran nel 1948. All’età di 13 anni viene mandata dai suoi genitori a continuare gli studi in Inghilterra, per poi laurearsi in Letteratura inglese e americana presso la University of Oklahoma. 

Preferisci ascoltare la notizia? Trovi il podcast in fondo all’articolo

Azar Nafisi

Ritornata in Iran nel 1979 diventa docente di letteratura inglese presso l’università della capitale. 
Sono gli anni della rivoluzione islamica che avrebbe di lì a poco portato al potere l’ayatollah Khomeini

La Rivoluzione Islamica – In this Dec. 10, 1978 file picture, demonstrators hold up a poster of exiled Muslim leader Ayatollah Khomeini during an anti-shah demonstration in Tehran at the Shayah monument which was built to commemorate the monarch’s rule and symbol of his power. The popular revolt against the shah raised alarm bells in the West, which saw the shah as a trusted ally and counterweight to hard-line Arab regimes and Palestinian radicals. The face of the revolution was Ayatollah Ruhollah Khomeini, whose demeanor, vehemently anti-American rhetoric and stern interpretation of Islam challenged not only Western interests but also Western values. (AP Photo/Michel Lipchitz)

Da quel momento la cultura occidentale inizia a non essere più vista di buon occhio, spesso viene addirittura osteggiata da parte delle autorità, così che Azar, per via della sue idee e della sua formazione culturale, finisce col trovarsi spesso in contrapposizione al regime, tanto che, dopo un’espulsione negli Anni Ottanta, abbandona la cattedra nel 1995. 

Ed è allora che sceglie di compiere uno dei più grandi atti di amore nei confronti della letteratura della storia recente. Infatti, da quel momento decide di invitare le sue sette studentesse migliori ogni giovedì mattina nel proprio salotto e tenere per loro una serie di lezioni-dibattito su alcuni dei più grandi classici della letteratura occidentale che altrimenti, essendo censurati dal regime, sarebbero finiti dimenticati dalle ragazze e dal popolo iraniano. Lolita, Il grande Gatsby, Orgoglio e Pregiudizio, Cime tempestose, Invito a una decapitazione, sono alcuni dei romanzi che vengono letti e analizzati, sempre in rapporto con la condizione che l’Iran e, soprattutto, le donne iraniane, stanno attraversando in quel momento. 

Lolita, Vladimir Nabokov

Due anni più tardi Azar Nafisi si trasferirà, insieme al marito e ai figli, negli Stati Uniti, dove riprenderà il proprio lavoro di docente. Ed è qui che, nel 2003, pubblica il romanzo Leggere Lolita a Teheran, dove, mescolando i caratteri e le vicende delle protagoniste, racconta dell’esperienza vissuta anni prima nel salotto di casa sua. 

Ragazze Iraniane

Leggere Lolita a Teheran non è un semplice gesto quotidiano, è una presa di posizione netta, una dichiarazione di intenti. Perché leggere un romanzo come Lolita o come qualunque altro tra quelli proposti alle sue studentesse, e farlo in una città come Teheran, è un atto di resistenza civile. Significa opporsi silenziosamente a un regime che ha sempre cercato di togliere la voce al popolo. Significa dimostrare di essere vivi
Perché “…È così che si legge un romanzo: come se fosse qualcosa da inalare, da tenere nei polmoni. Dunque, cominciate a respirare.“

Francesco Castiglioni

© Credit immagini: link + link + link + link + link

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.