La de-costruzione delle mie zolle

«No al dolore, Giorgio!» aveva esclamato Alda. Nella sua auto-distruzione interiore non aveva tenuto in conto che quanto si può non dire, si può dire scuro. Nella rivoluzione del suo caos non aveva considerato che invece quanto può dirsi si può dire chiaro. Quando diede fuoco al suo io più visibile, nel punto preciso delle … Continua a leggere La de-costruzione delle mie zolle

Bambino

Bambino, se trovi l’aquilone della tua fantasia legalo con l’intelligenza del cuore. Vedrai sorgere giardini incantati e tua madre diventerà una pianta che ti coprirà con le sue foglie. Fa delle tue mani due bianche colombe che portino la pace ovunque e l’ordine delle cose. Ma prima di imparare a scrivere guardati nell’acqua del sentimento. … Continua a leggere Bambino