Io come le altre

Il mio atto di ribellione è l‘amore:
Amo le donne che “non sono come le altre”
Perché credono che la donna sia due tette, 
Nessun cognome, 
La bellezza come unica ambizione.
Amo le donne che odiano le puttane,
Con le unghie lunghe e i vestiti demodé,
Perché non sanno di essere niente da sé
Se non altro dall‘uomo,
La costola d‘Adamo,
Che vive il tempo di un riflesso.
La mia sensualità per farti sesso,
Arrogante, se a sé stante.
La mia fragilità per farti forza, 
Così che ci sia solo metà mondo da conquistare.
La mia casa per il tuo lavorare.
Dunque se sei ragione sarò passione,
Dunque basti tu a figurazione.
Ma se tu poi sei altro da te,
Perché io rimango altro da me?
Coprirmi per scansare gli stupri,
Calmarti per scansare i litigi,
Sopportarti per essere felici,
Chi sono? Sono solo un per chi? 

Non lo so.
Forse non mi è dato sapere.
Ma se posso, voglio amare la donna 
Che si perde nel riflesso dell‘uno 
Credendo che d‘oltre non ci sia nessuno.
Alla donna „con le palle“ vorrei dire sì,
Tu sei come le altre. E va benissimo così.

Sara Magnacavallo

© Credit immagini: link

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.