Letizia Battaglia: rinascere attraverso la fotografia

Preferisci ascoltare la notizia? Trovi il podcast in fondo all’articolo!

Conobbi gli scatti di Letizia Battaglia poco più di un anno fa alla mostra Storie di strada. La vividezza del bianco e nero delle sue fotografie è in grado di stregare, qualunque sia il soggetto catturato. Dalle lotte sociali degli Anni Settanta, ai morti ammazzati degli anni di piombo, alle bambine dagli occhi seri, tutti i suoi scatti trasmettono l’emozione cristallizzata dell’istante vissuto da lei in prima persona. Tuttavia parlare di Letizia come fotografa sarebbe riduttivo: prima di tutto è una donna che ha lottato sin dalla giovinezza per la propria libertà e indipendenza.

A dieci anni incontra ‘un orco’ e i genitori la confinano in casa. A sedici si sposa, convinta che il matrimonio possa restituirle la tanto agognata libertà. Vicina ai quarant’anni, si rende però conto che il matrimonio non è che un’altra prigione.
Nel 1970, dopo una breve collaborazione con L’Ora, giornale palermitano, si trasferisce con le figlie a Milano. Nessuna testata locale la accetta: senza foto, il suo lavoro non è richiesto. Allora l’amica Marilù le regala una piccola macchina fotografica con la quale inizia a catturare le lotte sociali dell’epoca.
Fotografare diventa per Letizia la tanto ricercata chiave per l’indipendenza.
Nel 1974 torna a Palermo e per diciannove anni denuncerà attraverso i suoi scatti gli atroci delitti, l’enorme sofferenza provocata dalla mafia negli anni di piombo. 
La fotografia non è più solo un lavoro per Letizia: è un mezzo che le permette al contempo di testimoniare i fatti che accadono nella sua città e di esprimere se stessa. Con l’omicidio di Falcone e Borsellino raggiunge però il limite, non riesce più a fotografare i ‘morti ammazzati’.
Si dedica quindi alla fotografia da artista. Sono le donne e le bambine i suoi nuovi soggetti. Bambine mai sorridenti, ma innocenti e sognatrici, in cui in fondo si rivede. 

La storia di Letizia Battaglia è un esempio lampante di lotta per la libertà e di vivida testimonianza del dolore, ma anche e soprattutto di continua rinascita e capacità di trovare la bellezza nella complessità.  

Cecilia Verri

© Credit immagini: link + link + link + link + link + link + link

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.