Un’arnia per amica

Preferisci ascoltare la notizia? Trovi il podcast in fondo all’articolo!

Il 2020 sarà ricordato come l’anno della pandemia, ma ha anche permesso alla natura di riprendersi i suoi spazi. La metropolitana di Villa Borghese ne è un esempio, ma buone notizie arrivano dagli alveari, che raggiungono il milione e mezzo in Italia; una notevole ripresa rispetto al 2018, che l’Ansa riporta essere stato l’anno peggiore.

La produzione di miele è una specialità italiana ma, salvare le api vuol dire soprattutto salvare il genere umano: impollinatrici per eccellenza, di fiore in fiore, moltiplicano le aree verdi sul nostro pianeta, garantendo infine il giusto equilibrio tra CO2 e ossigeno. 

Negli ultimi anni emerge l’impegno a favore della biodiversità, con iniziative europee e locali di protezione degli alveari: i comuni italiani amici delle api (api friendly) hanno bandito i pesticidi; si moltiplicano inoltre i finanziamenti ai ‘corridoi verdi’, distese chilometriche di fiori a disposizione delle piccole amiche (il Polo ha raccontato di quelli a Londra, Oslo, in Umbria). E non mancano gli inviti a imbandire i balconi di fiori, fonte di nutrimento per gli insetti e toccasana per il panorama urbano o anche prodotti come la ‘pellicola’ di cera d’api, alternativa alla plastica.

Il sito permette di scegliere l’alveare su Google Maps e accertarsi dell’esistenza dell’azienda

Un progetto che riscuote successo nel sostegno alla biodiversità è 3Bee.
La startup italiana agri-tech, composta da giovani, raccoglie le aziende di apicoltura locali, finanzia il loro lavoro e sviluppa nuovi strumenti di monitoraggio
È possibile sostenere l’azienda tramite varie modalità di ‘adozione’: si scelgono l’alveare, il tipo di miele e successivamente se ne possono monitorare i progressi in attesa che il miele arrivi.
L’obiettivo di 3Bee è, inoltre, informare e sensibilizzare sui problemi delle api, minacciate dalla crisi climatica, da virus e batteri, oltre che dall’uso nocivo dei pesticidi

Il sito permette di monitorare lo stato dell’alveare adottato fornendo informazioni su vari aspetti quali il peso, l’umidità o la temperatura.

Dunque supportare la biodiversità e l’ambiente, il lavoro etico e giovanile è sempre più possibile ed è più gratificante se fatto tramite adozione – a portata di click – di un alveare, una mucca o una gallina o un ulivo in Puglia!

Francesca Cesari

© Credit immagini: link

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.