Screenshot 2018-12-02 at 14.58.46.png

La musica è una lingua universale, può far ridere, piangere, emozionare. Ora, grazie a Musica contro le mafie, associazione che fa parte della rete Libera,  può anche farsi portatrice di un messaggio socialmente utile. Grazie ai musicisti che aderiscono a questo progetto, la musica si schiera apertamente contro la corruzione, denuncia i fenomeni di criminalità e chi li mette in atto, ma allo stesso tempo incentiva con forza la ricerca di verità, trasparenza e giustizia.

Screenshot 2018-12-02 at 14.58.57.png

Dall’11 al 15 dicembre si terrà a Cosenza la terza edizione della 5 Giorni di Musica contro le mafie, evento culturale organizzato dall’omonima associazione e inaugurato in anteprima dal magistrato antimafia Nicola Gratteri. Si tratterà di una serie di  incontri, proiezioni e mostre dai temi più vari: non solo mafia, ma anche cyberbullismo e inclusione multietnica.

Screenshot 2018-12-02 at 14.59.16.png

Oltre a concerti e ospiti importanti come Levante, gli Ex-Otago Diodato, durante la manifestazione, condotta da Roberta Rei de Le Iene, si terrà la finale del Premio Nazionale Musica contro le Mafie, dal 2010 primo e più importante premio a livello europeo nell’ambito della musica socialmente impegnata. A esibirsi sul palco del Teatro Morelli di fronte ad un pubblico di studenti saranno i dieci finalisti selezionati su un totale di trecentocinquanta iscritti.

Screenshot 2018-12-02 at 14.59.23.png

Musica contro le mafie è una presa di posizione forte da parte dei giovanissimi, che non parteciperanno solo in qualità di pubblico, ma anche come interpreti sul palco:  il cinquanta percento degli iscritti al concorso è infatti costituito da under trentacinque. Sono numeri stupefacenti, che denotano l’interesse sempre maggiore da parte dei giovani nel comporre e trasmettere testi impegnati e testimonia quella fondamentale volontà di intervenire in prima persona per reindirizzare una società che non sempre segue le vie della legalità.

Federica G.

© Credit immagini: linklink + link + link + link

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...