Screenshot 2018-12-02 at 15.11.19.pngFelix Finkbeiner ha sempre avuto molto chiaro cosa volesse fare da grande: salvare il pianeta. Lo ha deciso a nove anni, dopo una lezione sulla fotosintesi clorofilliana e lo ha fatto con il candore tipico dei bambini: se gli alberi creano ossigeno e mangiano anidride carbonica basta averne di più per risolvere il problema dell’inquinamento.

Ispirandosi a Wangari Maathai, Premio Nobel per la pace, e al suo progetto di dar vita a più di trenta milioni di alberi in tutta l’Africa, si è prefissato un grande obiettivo: piantare un milione di alberi in tutta la Germania.

Con la tenacia che solo un ragazzino di nove anni può avere, ha convinto i compagni e la scuola a piantare il primo albero, alla presenza di Klaus Töpfer, ex ministro federale tedesco dell’ambiente e direttore esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per Screenshot 2018-12-02 at 15.11.27.pngl’ambiente (UNEP); ha poi fondato Plant for the planet, un’associazione che lo aiutasse nel suo scopo, ed è arrivato a parlare di fronte al Parlamento Europeo, prendendo parte al programma delle Nazioni Unite per l’ambiente.

Quando nel 2011 Felix pianta il milionesimo albero davanti ai ministri dell’ambiente di quarantacinque paesi, allora, tutti cominciano a crederci, tanto da affidare a lui e alla sua fondazione la Billion tree campaign. Si va oltre, tanto che nel 2017, in seguito alla scoperta che ci sono più di tremila miliardi di alberi sulla Terra e che effettivamente mille miliardi di alberi in più potrebbe catturare il venticinque per cento di tutte le emissioni di CO2 prodotte dall’uomo e contribuire così a mantenere sotto i due gradi l’aumento climatico, la campagna è diventata Trillion tree campaign.

Screenshot 2018-12-02 at 15.11.40.png

Non è finita qui, perché grazie all’app della fondazione, è possibile contribuire a piantare alberi, facendo piccole donazioni e avendo la possibilità di vedere virtualmente crescere le proprie piante. Un regalo decisamente originale in vista di Natale!

Daniela R.

 

© Credit immagini: link + link + link + link

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...