Il tempo come risorsa nel carcere di Opera

C’è un elemento di cui tutte le persone sentono la mancanza: il tempo. È una risorsa preziosa, non è infinito, e va ben utilizzato. Esistono anche realtà parallele, che funzionano in maniera opposta, dove le giornate sembrano durare anni, dove il tempo a disposizione è molto. Il carcere è una di queste. 

La Costituzione Italiana nell’articolo 27 comma 3 afferma che «le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso d’umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato». Il tempo, nelle case di reclusione, deve essere utilizzato per poter rieducare il detenuto, farlo riflettere sui reati commessi al fine di reinserirlo nella società una volta scontata la pena.

Nel carcere di Opera, casa di reclusione composta da 1166 detenuti, meno di un terzo di loro lavora, dato in linea con la media nazionale – il 29% dei detenuti italiani svolge un lavoro

Tra le tante realtà attive in questo ambito, ho avuto modo di conoscere il progetto Il senso del Pane, attivato dalla fondazione Casa dello Spirito e delle arti a partire dal 2015 nella casa circondariale di Opera e che prevede la produzione artigianale di ostie. Le particole prodotte vengono poi donate ai sacerdoti. Il progetto mira a far produrre le ostie dalle mani di persone che nel loro passato hanno commesso delitti di sangue di cui si siano pentiti: una possibilità di ridare la vita a chi la vita l’ha tolta. Tre detenuti le producono, lavorando insieme in un ambiente sereno. 

Il lavoro gratifica il detenuto e gli consente di pensare a un futuro diverso. Il tasso di recidiva dei detenuti italiani è al 70%, su 100 persone entrate in carcere, 70 commetteranno nuovamente dei crimini. Ma se si prendono in considerazione solo i detenuti che hanno lavorato per almeno 6 mesi durante il periodo di reclusione il tasso scende al 19%. Il lavoro fa la differenza

Andrea Antoniazzi

© Credit immagini: link

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.