Quando farò ritorno

Quando farò ritorno avrò gli abiti di un altro uomo, un nome che non mi appartiene.
Il mio sarà un arrivo inatteso.
Se mi guarderai, incredula, dicendo: Tu non sei lui, io ti mostrerò i segni e dovrai credermi.
Ti parlerò dell’albero di limoni nel tuo giardino.
Della finestra d’angolo da cui filtra il chiarore della luna.
Poi ti mostrerò i segni del corpo, i segni dell’amore.
E quando, tremando, saliremo nella nostra vecchia stanza, tra un abbraccio e l’altro, tra le nostre parole d’amore, ti racconterò il mio viaggio, per una notte intera, e per tutte le notti a venire, tra un abbraccio e l’altro, tra le nostre parole d’amore, l’intera storia umana.
La storia che non ha mai fine.

Da Lo sguardo di Ulisse (1995) di Theo Angelopoulos
liberamente ispirato all’Odissea di Omero

© Credit immagini: Courtesy Arianna Bascialla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.