It ended up so nice

Preferisci ascoltare la notizia? Trovi il podcast in fondo all’articolo!

In Sudafrica, durante l’apartheid, la musica ha avuto un ruolo fondamentale. 

Tra Peter Gabriel, che con la sua Biko fu il primo grande artista internazionale a parlare del problema nel mondo occidentale, e le canzoni tradizionali della cultura africana, c’è stato però un artista che più degli altri ha saputo unire gli animi di quelle persone.

Di lui, al di là della sua musica, si sapeva davvero poco. Si conosceva il suo nome, Rodriguez, e si sapeva che era americano

All’epoca giravano due suoi album: Cold Fact pubblicato nel 1971 e After The Fact uscito cinque anni più tardi. Entrambi subirono forti censure da parte dei segregazionisti, ma riuscirono lo stesso ad avere un’enorme diffusione grazie al passaparola e alle copie pirata su musicassetta. 

I suoi testi contro il potere, i pregiudizi, sempre dalla parte dei deboli e degli esclusi, diventano il simbolo della lotta all’oppressione e fanno sì che l’autore acquisti fra i neri una fama tale da renderlo più famoso perfino di Elvis. 

L’unico problema è che Sixto Rodriguez è completamente all’oscuro di questo successo, nessuno sa come trovarlo, come entrare in contatto con lui. Tanto che iniziano a circolare voci che lo vogliono morto di overdose, che sia impazzito e rinchiuso in manicomio o che si sia suicidato dandosi fuoco sul palco. 

Finché nel 1997 un suo fan e un giornalista musicale realizzano un sito web per cercare sue notizie

L’anno seguente i due ricevono una email da parte di una ragazza che dichiara di essere la figlia di Rodriguez, che il padre è vivo e fa l’operaio negli Stati Uniti. Vengono immediatamente messi in contatto con l’artista e decidono di organizzare un tour di sei date in Sudafrica. 

Rodriguez, che per tutti ormai era rimasto solo Sixto, aveva ormai deciso di abbandonare la carriera da musicista, dedicandosi alla famiglia e a condurre una vita normale. 

Infatti, quando arriva a Città del Capo è accompagnato dalle tre figlie e dalla sua chitarra

Ma ad attenderlo c’è un paese intero che lo stava aspettando da più di vent’anni, un popolo per il quale rappresentava più che un semplice musicista, ma che allo stesso tempo ha saputo fare il regalo più grande che si possa fare a un uomo, prima ancora che a un cantautore: l’opportunità di ricominciare a vivere, di continuare un sogno da cui pensava di essersi dovuto svegliare.

Francesco Castiglioni

© Credit immagini: link + link + link + link + link

Un pensiero su “It ended up so nice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.