Alzi la mano chi, più o meno in questo periodo, quando i primi caldi già imperversano e le strade si riempiono di vita, non ha mai pensato con un misto di nostalgia/ansia a quando era chiuso – anzi barricato – a studiare per la maturità.

I Pinguini Tattici Nucleari, evidentemente, non fanno eccezione. Maturità vuol dire anche linguaggi particolari, propri di ogni compagnia di ogni città di ogni regione italiana, eppure, esistono parole e messaggi trasversali. Che superano gli aneddoti.

La sfida allora è lanciata: cosa rimane della maturità se la si filtra depurandola da quella parte che altro non è che una grande invenzione di Mr. Antonello Venditti?

13123.jpg

  1. Il gusto della sfida. Porsi un obiettivo apparentemente irrealizzabile e cercare, a ogni costo, di raggiungerlo. Come chi, zuzzurellone, autore di tante/troppe interrogazioni/scene mute, scopre di aver bisogno di un voto, l’ottanta, traguardo, biglietto per scappare o inseguire sogni.
  2. Buttarsi senza paura. Poco cambia che sia la prima grande impresa della vita. In ogni caso, può capitare anche di rimanere sorpresi (ottenni buoni voti nelle prove scritte, non fu dura) e, per chi è anche fortunato, scoprire qualcosa di sé con cui fare i conti per sempre (E poi toccò alla tesina sulla musica di Derek Bailey; scritta con il cuore e proprio per questo immatura).
  3. Perdere e fallire con classe, senza dimenticarci che dietro ogni sconfitta c’è sempre una nuova vittoria.

A un passo dal traguardo, niente ottanta, forse per dargli una lezione gli hanno appioppato un settantanove.

Cosa farne?

fffff.jpgIl liceale tattico nucleare ha un’idea che vale anche per universitari e lavoratori: chi vince generalmente muore giovane, sono le sconfitte, invece, a temprarci, stimolarci, come quando, un ‘livello’ dopo l’altro, i pezzi del tetris scorrono sempre più veloci, e, inevitabilmente, sono gli errori [che] restan lì a fare da calamita.
Che ci ricordano chi siamo e chi vogliamo diventare.

Stefano C.

© Credit immagini: link + link + link 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...