Sta facendo il giro del mondo la notizia della tela ritrovata nei depositi dell’Accademia Carrara di Bergamo e riconosciuta come opera originale di Andrea Mantegna: la Resurrezione di Cristo (1492-1493).

Chi si sarebbe mai aspettato che un dipinto del pieno Rinascimento, confinato per più di cento anni nei depositi dell’Accademia, venisse riscoperto come un autentico Mantegna?

La Resurrezione di Cristo ha una storia travagliata alle spalle. Per più di duecento anni i suoi spostamenti rimangono avvolti da un’aura di mistero. Solo nella seconda metà dell’Ottocento si incominciano ad avere notizie più definite: nel 1866 la tela giunge al museo orobico, per volere del Conte Guglielmo Lochis.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da lì una serie di disattenzioni e di equivoci lo hanno portato ad essere considerato come una copia del grande maestro del Rinascimento.

Come afferma il conservatore Giovanni Valgussa, le attribuzioni antiche dei dipinti non sono sempre affidabili, può succedere che i certificati di autenticità delle opere subiscano delle modifiche.

La tavola, dopo anni di buio, ritorna alla luce per essere catalogata dai conservatori. È in seguito a un controllo che i dettagli saltano all’occhio: una piccola croce in basso e l’asta che la sorregge, nonché l’arco di rocce, fanno supporre l’esistenza di un prosieguo dell’opera, rintracciato nella Discesa di Cristo nel limbo, custodita a Princeton dalla collezionista Barbara Piasecka Johnson.

La Resurrezione di Cristo oggi quindi può finalmente uscire dalla penombra e vantarsi della sua bellezza che per tanti anni è rimasta incompresa.

È risaputo che lo stile del Mantegna è inimitabile ma non sempre basta, perché ci sono quelle caratteristiche impercettibili che sfuggono, ma che, se ben osservate, contraddistinguono lo stile di un artista.

Quindi.. occhio ai dettagli!

Marta C.

© Credit immagini: link + link + link

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...