Ma dove stai correndo?

La luce del sole stava calando piano e tra i rami degli alberi – ormai pieni di foglie – il vento si alzava sottile.
Non te lo saresti mai aspettato che un vento così leggero potesse sollevare le foglie di quell’albero che ormai superava l’edificio della scuola.

Maddalena mica se ne era accorta. 
Tutti i giorni avanti e indietro con il suo zainetto arancione sulle spalle e mai l’aveva visto quanto fosse alto quell’albero lì. Aveva alzato lo sguardo appena e il vento sottile le aveva fatto notare quella bellezza lassù in cima.

Tutti i giorni avanti e indietro dalla sua casa in città fino alla sua adorata scuola e non si era accorta quanto fosse cresciuto il suo albero preferito.

Neanche il tempo di finire di allineare quel pensiero in testa e una vocina era spuntata da lassù: ma dove stai correndo?

Incastrato tra i rami più robusti si era appisolato Teo, piccolo spettatore di quella giornata in divenire. Aveva deciso di arrampicarsi fin lassù nel suo flusso di pensieri del giorno stesso, che ormai si era fatto azione. 

Tutti i giorni avanti e indietro con il suo zaino sulle spalle e tutti giorni ad alzare la testa fin lassù. 

Maddalena se ne era accorta solo dopo che quella voce si era mossa insieme alle foglie dell’albero e che quella stessa voce si stesse rivolgendo proprio a lei.

Mi fermo qui, aveva pensato Maddalena. L’aveva pensato e forse l’aveva anche detto, perchè poi sarebbe stato un attimo salire insieme a Teo sul ramo più robusto.

Non era più solo uno, ma erano due piccoli spettatori di quella meraviglia in divenire.

Federica Mangano

© Credit immagini: Courtesy Mishel Mantilla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.