Senso di appartenenza

«Le cose più belle accadono per caso».

È una frase che ho sempre ritenuto un cliché, finché non l’ho vissuta sulla mia pelle. Oggi vi racconto del senso di appartenenza: non vi è una sua definizione univoca, poiché si tratta di sensazioni che nascono dal nulla, o meglio, dopo aver vissuto determinate esperienze senza prestar loro la dovuta attenzione.

Sentii di appartenere alla vita una mattina di tiepida primavera; bevevo il mio solito caffè a colazione e mi beavo della solitudine in casa sul presto. Tutto normale, no?

Ma poi accadde una cosa: capii la differenza tra il guardare e il vedere, e il senso di appartenenza mi travolse.

Sentivo un fremito dal giardino, aprii la portafinestra e mi affacciai. Dei cuccioli di tortora. Piccoli, paffuti, dalle piume di grafite tutte arruffate dallo sforzo. Stavano vicino al prugno al centro del prato con i genitori impettiti, che insegnavano loro la propria arte di vivere: volare.Vi avevo già assistito diverse primavere, ma quel giorno sentii di essere parte di questo spettacolo di vita novella. Avvertii il senso di appartenenza in quel momento, tra lacrime di gioia e sorpresa. Di appartenenza alla vita e al suo splendore, in un binomio di felicità e commozione che da allora mai più mi abbandonò.

Elena Rossi

© Credit immagini: Courtesy Mishel Mantilla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.