Arte Migrante: lo spettacolo dell’accoglienza

L’accoglienza è in crisi, messa a dura prova dalla diffusione del sovranismo più radicale. Eppure, esiste un luogo dove l’incontro con l’altro è ancora possibile.

Un proverbio Malawi recita: ‘L’uomo si realizza se è capace di sedersi a terra a livello dell’altro e parlare con lui finché non gli diventa amico’. Tirar fuori da sé per non essere fuori di sé. Arte Migrante è un progetto che nasce nel 2012 su iniziativa di alcuni giovani bolognesi e si propone di creare uno spazio di inclusione attraverso l’arte.

46519163_958083374387198_4754157389375078400_o.jpg

Arte Migrante si realizza attraverso l’organizzazione di serate – circa una sera ogni due settimane – in cui ognuno può esprimere il proprio messaggio artistico, attraverso una canzone, una poesia, una danza, un pezzo teatrale. L’invito è rivolto a tutti: partecipano studenti, migranti, senza fissa dimora, lavoratori e disoccupati, giovani e anziani.
Gli eventi targati Arte Migrante si articolano in tre fasi: ci si riunisce tutti a formare un grande cerchio; si mangia insieme: si cerca di portare ognuno qualcosa da mangiare e offrire all’altro; e infine, iniziano le condivisioni.
Quello che colpisce di più di questo progetto, oltre alla semplicità, è la sua straordinarietà.

Gli accademici e filosofi del nostro tempo (Umberto Galimberti in primis) evidenziano come oggi gli spazi di incontro e socializzazione siano ridotti all’osso. L’era del digitale ci mette in contatto con chi è lontano chilometri di distanza, ma ci rende ciechi verso chi ci è vicino. Arte migrante si propone di colmare questo vuoto, valorizzando la presenza e l’incontro fisico, fragile: proprio per questo autentico.

67120154_2407848832874231_8595678041311543296_n.jpg

Abbiamo intervistato il fondatore di Arte Migrante: si chiama Tommaso Carturan, bolognese, trentunenne e cantautore, ha dato vita al progetto Arte Migrante a Bologna, insieme a qualche amico. «Siamo partiti cercando di coinvolgere tutti i nostri amici, facendo dell’inclusione il nostro scopo».

In sette anni, il progetto si espande per tutto lo stivale: oggi, Arte Migrante si trova in 30 città italiane. Per chi ama viaggiare, può essere anche un’occasione di incontro gratuito in mezzo coetanei e non. «Stiamo crescendo a vista d’occhio: mediamente si formano uno o due gruppi nuovi all’anno. Siamo attivi in Italia, ma non solo: da due anni siamo a Cipro, da qualche mese a Denver negli Stati Uniti, e da una settimana a Marsiglia in Francia. Non ci poniamo limiti, perché l’incontro con l’altro non ne ha».

Cattura.JPG

Tommaso lancia poi un appello alle persone desiderose di aprire un centro nelle città in cui Arte Migrante ancora non c’è: «C’è un percorso da fare perché si dia vita a un progetto locale, ma la strada è tranquillamente percorribile!».

Farsi globalizzare dalla cultura dell’accoglienza. Arte Migrante si è avventurato in un’impresa per scardinare luoghi comuni e stereotipi attorno alla figura del diverso. Chi migra verso un nuova realtà si porta con sé una storia e una cultura. Arte Migrante dà forma al suo contenuto. Stiamo parlando, insomma, di un vero Polo Positivo dell’accoglienza.

Pietro Battaglini

© Credit immagini: link + link + link  + link

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.