Un nuovo paradigma scolastico in India

Ad Assam, in India, Parmita Sarma e Mazin Mukhta hanno fondato nel 2016 la Akshar Foundation School. L’intento dei fondatori è impegnarsi rispetto a criticità culturali, economiche e sociali: combattere l’abitudine di bruciare la plastica per riscaldarsi, la povertà diffusa e l’uscita prematura dei bambini dall’ambiente scolastico.

foto 2

Data la sovrabbondanza di plastica nel territorio, infatti, gli abitanti la bruciano per riscaldarsi, non consapevoli delle sostanze tossiche che il materiale rilascia durante il processo di combustione. ll primo obiettivo di Parmita Sarma e Mazin Mukhta è dunque quello di sensibilizzare gli abitanti rispetto alla nocività per la salute della combustione della plastica. Hanno scardinato l’abitudine, instaurando un circolo virtuoso: la scuola, invece di esigere tasse in denaro dalle famiglie, chiede a ciascuno studente di raccogliere almeno 25 rifiuti di plastica alla settimana. La fondazione ha poi organizzato un sistema di riciclo, in cui i rifiuti dopo essere stati divisi in riciclabili e non riciclabili, vengono utilizzati per costruire nuove strutture nel campus.

Inoltre, per venire incontro alle difficoltà economiche delle famiglie, i bambini più grandi sono pagati per insegnare ai più piccoli. Vengono così incentivati a restare all’interno dell’ambiente scolastico, invece di lasciare la scuola molto giovani per lavorare nelle cave locali per $2.50 al giorno. Più vanno avanti nello studio, più il loro salario aumenta. Così, da un lato le famiglie si possono permettere che i figli vadano a scuola, dall’altro gli studenti si rendono conto dei vantaggi concreti che porta ricevere un’educazione.

foto copertina

La scuola, nata con venti bambini, oggi ne ospita più di cento. Un numero destinato a crescere ancora, visto che i Parmita Sarma e Mazin Mukhta hanno portato il loro modello nella capitale Delhi: il prossimo anno l’associazione ha in programma di aprire altre cinque scuole. L’obiettivo ultimo? Trasformare il sistema della scuola pubblica in India.

Valeria Molinari

© Credit immagini: link + link + link 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.