Perdersi altrove, un luogo dove ritrovarsi

Un ritornello che entra in testa e fa sognare, un testo che scaccia i problemi e i pensieri del quotidiano. Con la loro Altrove gli Eugenio in Via Di Gioia raccontano di un immaginifico dialogo col proprio subconscio. Di quelli lucidi, di quelli di cui avremmo bisogno ogni giorno.

Siamo spesso portati a incolpare il prossimo, la società, l’altro, che impongono l’umore (devi essere contento), la sicurezza in noi stessi (devi autocompiacerti e avere stima di te) da mostrare, pubblicare, condividere e ostentare. Non dobbiamo mollare mai e stare al passo. (Aggiornarti, evolverti). E correre sempre. Il presente è un treno che va via. Ma al passo di chi? Non del prossimo, da affossare con forza ma senza sporcarti le mani?

Ma chi ce lo impone? Nessuno, certe idee vengono solo da noi e solo noi possiamo cambiare.

FOTO4.jpg

La canzone chiede di recuperare l’uso delle nostre migliori ‘applicazioni’: testa e cuore.

Il ritornello canta di ‘perdersi’. Significa cercare ispirazione nelle frasi lette sui muri e nella musica a tutto volume, vivere di assoluti e non appannarsi, anzi, esaltarsi, entusiasmarsi e andare in crisi, cercare l’errore perché – più di tanti successi – detterà la strada. Non c’è un unico modo e non c’è una verità. Ci sono solo verità dette a metà.

E va bene così. In barca o in coda alle poste, sulla strada di montagna o in moto lungo la statale che punta alla campagna. Altrove non significa andare in Nepal. Basta un contesto diverso, sconosciuto, nuovo, ad un passo FOTO6.jpgdalla città chissà dove. Altrove è un luogo ma anche una discussione, un’esperienza, il tempo che scegliamo di regalarci. Senza messaggi e senza le mail.

Un consiglio: cerchiamo qualcuno che sappia ritrovarci. Che abbia la mappa o conosca la strada. Anche se pensiamo non ci sia, anche se pensiamo ci voglia tempo. Anche se, nonostante tutto, pensiamo non serva. Sarà più facile trovare il coraggio per perdersi.

Ci vediamo altrove.

 

Stefano C.

© Credit immagini: link + link + Courtesy di Stefano Cavassa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.