Life at Best: quando lo sport abbatte le barriere

Svolgere attività fisica permette al corpo e alla mente di ‘sfogarsi’ dalle tensioni e ‘rilassarsi’. Tutti noi dovremmo praticare regolarmente un po di attività fisica, ma per alcune persone con disabilità, ciò può diventare complesso a causa dell’assenza di strutture che possano accoglierle correttamente e in sicurezza.

Screenshot 2019-09-22 at 20.17.45.png

Per questo motivo è nata “Life at Best”, una associazione di Padova il cui obiettivo è abbattere le barriere e stimolare l’inclusione sociale. Non si tratta semplicemente di barriere architettoniche, ma soprattutto culturali, al fine di scardinare i pregiudizi, molto frequenti nella nostra nazione che disabilità equivalga ad assenza di attività fisica.

Il progetto Move 4 Free dunque, intende mappare e raggruppare sotto specifici requisiti tutte le palestre che possano offrire servizi appositamente dedicati alle persone con disabilità.

Come funziona? Personal trainer o centri sportivi che vogliano dedicare, gratuitamente, qualche ora di tempo al movimento e al fitness delle persone con disabilità possono mettersi in contatto con l’associazione Life at Best, la quale li inserirà nella lista nazionale sul sito.

I requisiti di accesso sono però rigidi: la palestra deve essere senza barriere architettoniche e avere personal trainer laureati in scienze motorie che vogliano dedicare almeno 4 ore a settimana di servizio agli utenti del sito, che ne gioveranno in modo completamente gratuito.

Screenshot 2019-09-22 at 20.17.51.png

Si tratta quindi di un vero e proprio portale di prenotazione dedicato alle palestre per disabili: c’è la possibilità di prenotare online il servizio di training fino a un massimo di un’ora di allenamento alla settimana, per permettere al maggior numero di utenti possibili di usufruirne.

Lanciato nel territorio di Padova, gli ideatori mirano ora ad estendere il servizio a tutta la penisola.

Il sito Move4Free è stato presentato anche a Roma al Senato della Repubblica, al fine di ottenere patrocini per abbattere le barriere architettoniche e non solo, di cui l’Italia è ancora tristemente soggetta. 

Ognuno di noi può dare il suo contributo denunciando realtà non adatte a persone  con disabilità e condividendo realtà come Life at Best: lavorando insieme possiamo fare la differenza.

Giulia Verrini

© Credit immagini: link + link + link

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.