È eclettico e dinamico, animato da un raro entusiasmo e da un’autentica umiltà, si chiama Giacomo Occhi, un giovane artista milanese di venticinque anni, alla ricerca di una definizione della propria identità creativa ancora in divenire. «Non so esattamente chi sono», dice Giacomo, «mi piace un sacco poter fare tante cose ma purtroppo devo trovare una definizione». 

A dire il vero il giovane artista un sogno ce l’ha ed è quello di diventare un attore di teatro. Si tratta di un’ambizione coraggiosa in questo momento storico, un tempo in cui i giovani non osano fare delle loro passioni il proprio mestiere poiché è rischioso e la precarietà è frustrante. Tuttavia, Giacomo non riesce concepire per se stesso un lavoro che esuli dal divertimento, dalla creatività e dall’inventiva. Ha costruito la sua vita introno a questi principi e l’indeterminatezza del futuro non è fonte di scoraggiamento per lui, ma si configura come un ventaglio di infinite opportunità.

Nonostante l’ottimismo, Giacomo racconta delle difficoltà nell’inserimento nel mondo del teatro: tante delusioni e riscontri negativi. Non per questo si vede costretto a rinunciare al suo sogno di attore e si lancia alla ricerca di strade alternative per continuare a formarsi e a crescere come artista nel tentativo di arrivare, prima o poi, a questo traguardo.

Il suo primo contatto con il mondo dello spettacolo è avvenuto all’età di setti anni quando si è iscritto alla Piccola scuola di circo di Milano dove ha imparato la giocoleria; poi, dal corso di teatro al Franco Parenti non ha più smesso di recitare. Nel frattempo si è accostato al mondo della musica diventando cantautore. Si è sperimentato poi nel teatro di strada: «la strada – dice Giacomo – è un palcoscenico aperto, ti vede chiunque e hai in ogni momento la possibilità di ottenere uno spettatore in più». Il suo talento l’ha portato ad esibirsi l’anno scorso a Italia’s got talent dove è arrivato alle semifinali.

La personalità dalle mille risorse gli ha permesso una crescita artistica che non è mai stata abbandonata da uno spirito di modestia. È un artista sincero, la sua arte è comunicativa e desiderosa di una condivisione reale con il pubblico. Non insegue il like sui social e se posta, lo fa per condividere una sua idea o un suo progetto, non per ottenere un riconoscimento. Egli stesso ammette di sentirsi un poco anacronistico a tal riguardo, sente il bisogno di mettersi al passo coi tempi, ma a condizione che l’autenticità della sua arte non venga sacrificata.

Giacomo è spiritoso e autoironico – il suo ultimo video clip Voglio la barba ne è un esempio –, la sua creatività è stimolata delle esperienze quotidiane che gli suggeriscono un modo nuovo per raccontare la realtà da un punto di vista anticonvenzionale e originale.

Il suo segreto? Il divertimento. «Se ci si diverte le cose riescono per forza». Perché un’esibizione coinvolga gli spettatori non servono costumi appariscenti o effetti scenografici strepitosi, bastano due ingredienti: dedizione e passione per quello che si fa. «Divertisti con il proprio lavoro è la cosa più bella del mondo ed è quello che ti fa superare tutte le difficoltà».

flyer giacomo occhi

Isabella S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...