Non si può negare che l’Italia sia ormai diventata un paese multiculturale, dove le abitudini e le tradizioni di civiltà completamente diverse tra loro si mescolano e si uniscono. Inevitabilmente ciò si rispecchia anche in cucina.E allora perché non andare a caccia di alimenti nuovi, buoni e salutari da apprezzare sulle nostre tavole?

Voglio presentarvi l’hummus. Le sue origini sono da ricondurre al bacino più orientale del Mediterraneo: Libano, Israele, Siria. Si tratta di una crema (di seguito la ricetta), i cui ingredienti, rappresentano un vero toccasana per il benessere. È un alimento ricco di proteine vegetali grazie ai legumi, di grassi insaturi (quelli cosiddetti “buoni”) grazie alla salsa di sesamo e all’olio extravergine di oliva e presenta una buona quantità di vitamina C grazie alla presenza del succo di limone. La caratteristica che lo rende un piatto da adottare nella quotidianità è la sua versatilità: si può gustare come snack con un pinzimonio di verdure, al pasto spalmato sul pane caldo Di seguito alcune varianti, assolutamente da provare!

2
© Credit immagini: Margherita Ider, My Hummus, settembre 2016

HUMMUS CLASSICO

  1. Lattina di ceci precotti;
  2. Due cucchiai di salsa di sesamo (tahina)
  3. Due cucchiai di olio extravergine d’oliva
  4. Un piccolo spicchio di aglio (opzionale)
  5. Succo di mezzo limone
  6. Spezie (opzionali ma paprika e pepe sono consigliate)

PROCEDIMENTO

Scolare e risciacquare i ceci, quindi frullarli insieme alla salsa tahina, all’olio, al succo di limone, all’eventuale aglio e spezie fino a raggiungere una consistenza cremosa (nel caso sia asciutto, aiutarsi aggiungendo un cucchiaio di acqua calda o olio); per creare hummus dal colore alternativo, mantenere alterata la ricetta aggiungendo barbabietole cotte (per ottenere hummus rosa), carote bollite (hummus arancio), piselli bolliti (hummus verde).

P.s. Piccolo accorgimento se si usano le barbabietole è fondamentale impiegare meno olio essendo già alimenti acquosi.

Provatelo e fateci sapere il risultato, taggandoci nelle vostre immagini!

 

Giulia

 

© Credit immagini: link