Le vacanze dei giovani

Dal 1 al 6 Agosto, ci sarà un campo estivo particolare. Si tratta della quinta edizione del Campo Estivo Italia, CEI per gli amici, organizzato dall’Ordine di Malta. La sua peculiarità è che raccoglie più di 100 ragazzi, alcuni con diverse tipologie di disabilità e altri in salute, per fargli vivere una settimana di vacanza insieme. Creato dai giovani per i giovani: tutti i partecipanti hanno tra i 18 e i 35 anni. La location del campo cambia ogni estate e quest’anno sarà ospitato dalle Marche, a Porto Sant’Eldipio

3 anni fa ho partecipato al mio primo campo, non sapendo neanche bene cosa aspettarmi. La disabilità è qualcosa che spiazza, che rende insicure le persone: Dirò la cosa giusta? Farò danni? Al ritorno a casa una settimana dopo ero convinta di aver trovato, anche se per poco tempo, il mio posto nel mondo. Così il CEI mi travolse e non mi lasciò più. La settimana di vacanza più bella dell’anno è sempre quella.

L’atmosfera è spartana e rilassata, con un tocco di spiritualità. Fin dal montare le tende si rivela lo spirito di profondo servizio che animava i volontari. Le attività sono numerosissime: giochi e gite, insieme anche a Karaoke, film, cacce al tesoro e feste serali e discoteca. Nonostante queste ricche time table, non mancano anche i momenti di riflessione profonda, come le messe e le condivisioni. Ma non solo, tutto è condito da scherzi, risate, ironia, trasmessi da ragazzi qualsiasi, capaci di divertirsi tanto con poco e con molta voglia di stare insieme. Non esiste tra helper (volontari) e guest (ospiti ammalati) alcuna barriera: non ci sono turni di lavoro, attività o luoghi in cui ci si separa: dal lavarsi i denti al visitare un museo, un helper e il suo guest sono uniti e si aiutano a vicenda. Carrozzine, cateteri, medicine: niente è un è problema, basta una buona organizzazione, come quella del CEI. Magari l’helper nel momento contingente si illude di essere più utile al suo guest che non viceversa, ma a fine campo dubito nessun volontario lo pensi ancora.

Il tema di quest’anno è prendi il largo. Molto appropriato per un progetto così, che sta continuando a crescere, scaldando il cuore di sempre più persone.

Sono fiera di far parte di questa generazione.

Eugenia

© Credit immagini: link