C’era una volta il mercato rionale. C’era una volta la nonna che ci portava i nipoti a comprare qualche giocattolo mentre faceva un po’ di spesa per la cena, senza dimenticare di comprare anche il pile elettrostatico di due taglie troppo grande – è per la crescita. C’era una volta il cuoco, che andava a cercare le verdure e la frutta più preziosa. C’era quel papà che proprio non ne aveva voglia di stare in mezzo a quel caos, ma accompagnava lo stesso sua moglie mentre inseguiva i figli che correvano verso il banco delle caramelle. C’era il banco del pesce fresco, quello della carne, dei formaggi e dei salumi; c’era quello dei dischi e dei dvd, delle pentole e degli elettrodomestici. C’era, ma soprattutto c’è ancora, tanto.

eee.jpg

Questo ‘tanto’, tuttavia, non arriva sempre nelle case di chi bazzica per il mercato. Capita che una mela si ammacchi, dell’insalata appassisca un poco, a un pesce non luccichino più gli occhi o che rimanga del formaggio fresco invenduto. Non arriveranno al prossimo mercato. Finirà tutto accatastato in attesa dell’AMSA, mentre qualche senzatetto rovista speranzoso in questi ingiusti scarti.

Qualcuno decide che è ora di cambiare. Nel novembre del 2014 inizia a prendere forma Recup, progetto che vuole contrastare lo spreco alimentare e l’esclusione sociale. In poche parole: a fine mercato un gruppo di volontari, aiutati anche da indigenti, recupera il cibo dai commercianti che decidono di donare i prodotti che scarterebbero, lo si divide tra buono e non, lo si redistribuisce a chiunque voglia prenderlo – a chi ne ha bisogno. Recup diventa Associazione di Promozione Sociale nel 2016, formalizzandosi per essere ufficialmente riconosciuti e poter avviare collaborazioni con il Comune, il servizio di raccolta dei rifiuti, le scuole e le altre organizzazioni solidali e no-profit. In breve tempo ampliano il loro raggio d’azione, con l’obiettivo di riuscire a coprire un mercato per ogni giorno della settimana, creando una vera rete cittadina solidale. Recup ci spiega il passaggio da un valore economico perso a un nuovo valore sociale. Un concetto, oggi più che mai, di vitale importanza.

Giacomo

© Credit immagini: link